Alessandro Melis Contemporary Art | Opere di arte contemporanea su tela
19
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-19,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Alessandro Melis

Sono passati molti anni da quando è iniziato il mio percorso artistico. Molti anni intesi approssimativamente e convenzionalmente. All’inizio era notte, quel 19 aprile, ma allora non lo sapevo e il buio si alternava ad una luce flebile, come di una candela, che proiettava sulle pareti le ombre delle persone presenti.

 

Il buio si alternava alla luce

 

Lo spazio sembrava chiudersi per riavvolgermi nell’oscurità e subito dopo, ma direi allo stesso tempo, si apriva nuovamente, dandomi un’altra possibilità. Una cosa ho sempre visto e vedo, in chi mi sta accanto, ancora oggi. Sempre vedo la luce di quella candela, seppure fioca. La vedo sempre, anche quando le mie palpebre si appoggiano sugli occhi ed è buio, la luce è lì ad illuminare il sorriso di un viso e un mondo di colori.

Il mio pensare e agire pittorico sta tra spazio, azione, luce, immagine (memoria) e colore e penso che il tempo consista nella loro relazione.

 

Alla domanda: “quando e dove nasce il tuo percorso artistico” ho risposto di aver avuto piena consapevolezza di aver intrapreso un percorso artistico quando, dopo aver terminato gli studi all’Accademia di Belle Arti di Bologna, ho avuto la possibilità di esporre costantemente i miei lavori in uno spazio espositivo in via Principe Amedeo 8, a Cagliari. L’attuale spazio espositivo è sito in via Lamarmora 51 nello storico quartiere di Castello.

 

Molte sono le persone che hanno contribuito alla mia formazione artistica e sono tanti  gli artisti e i movimenti che ho guardato con interesse. Vorrei ricordare Sol Lewitt, Gerard Richter, August Strindberg, Julian Schnabel, Arman Pierrre Fernandez, Mario Schifano, il movimento Gutai.

La ricerca sul colore

A parte le ricerche sulle figure geometriche e sugli oggetti applicati sulla tela (siano questi elementi plastici o di metallo) la ricerca che più mi appassiona è quella sul colore.

 

Penso che ogni colore abbia una propria forza che si esprime sin dal primo momento della sua stesura sulla tela. Questa forza aumenta o diminuisce quando nel susseguirsi delle stesure il colore o i colori si mescolano o si separano.

 

Le diverse circostanze di tempo e di luogo delle stesure del colore, le immagini che emergono e scompaiono, fanno sì che il lavoro pittorico abbia diverse possibilità così che ogni volta possa essere questo e/o quello, o non essere.

Ogni colore è ragione del suo amore

Tutti i lavori presenti sono unici.
Alcuni si collocano all’interno di un gruppo ovvero di una specifica serie tematica
mentre altri sono viaggiatori solitari.

Visita la collezione

Invia un messaggio